/, Consulenza del Lavoro, Formazione, InForma, Osservatorio per il Lavoro/Il Vantaggio di aderire: Formazione finanziata Fondo Interprofessionale

Il Vantaggio di aderire: Formazione finanziata Fondo Interprofessionale

Qual’è il Vantaggio di aderire alla Formazione finanziata Fondo Interprofessionale

Cosa sono i fondi? Chi organizza la formazione? Come è possibile usare i fondi? Quando dove e perché?

Dal 2011 lo Studio è soggetto promotore dei piani di formazione finanziata dal Fondo Interprofessionale FonARCom, e dal 2014 ne è divenuto soggetto attuatore.  La caratteristica dei piani formativi che proponiamo ai nostri Clienti è l’applicazione di metodologie innovative. Lo Studio Casiglia e Ronzoni inaugurò nel 2016 con questa pubblicazione il suo primo catalogo di formazione interaziendale cui segui quello del 2017. (link alle agende). Dopo aver promosso e organizzato negli ultimi 18 anni corsi di formazione di amministrazione del personale e consulenza del lavoro, che sono tuttora il DNA e la vocazione centrale nell’evoluzione della nostra organizzazione, nel 2011, grazie al Fondo Interprofessionale FonARCom, abbiamo attivato e gestito un Piano di formazione che contenesse quanto già provato inizialmente su noi stessi riguardo corsi sul vivere l’esperienza dal vivo, come ad esempio la gestione della leadership, la negoziazione, e molte altre competenze comportamentali. Tale novità ha coinciso con la forte diversificazione che lo Studio Casiglia e Ronzoni ha voluto offrire al mercato anche in termini di consulenza e di servizi, orientando la bussola delle soluzioni anche nella selezione del personale, nella consulenza HR, nel Welfare Aziendale nella Previdenza con temi più specifici di settore dalla Busta paga al Budget e al Costo del Personale, dal Jobsc Act alla Busta Arancione e dalla Regolamentazione Aziendale alle più recenti tematiche Social Media Policy e in molte altre attività afferenti alla gestione e all’evoluzione delle risorse umane.

Grazie a tutte le Aziende e alle Organizzazioni sia Clienti sia non Clienti, che hanno sottoscritto il progetto “Piccole Imprese Crescono”  e ai loro collaboratori che ci hanno incoraggiato partecipando e dandoci feedback positivi abbiamo reso l’offerta formativa sempre più un’opportunità mirata alla singola realtà organizzativa. Crediamo nella formazione come una vera metafora della vita oltre che del lavoro e pensiamo che tutto ciò non possa prescindere da una costante ricerca di modelli e metodologie che consenta a tutti i partecipanti di vivere la formazione come una vera e propria esperienza umana e professionale.  STRATEGIE EVOLUTIVE

Cosa sono e come si finanziano

I fondi interprofessionali sono organismi di natura associativa promossi dalle parti sociali, ai quali le imprese possono scegliere di aderire per la formazione continua dei propri dipendenti nei diversi comparti dell’industria, dell’agricoltura, del terziario e dell’artigianato. L’istituzione di questi fondi è subordinata a un’apposita autorizzazione ministeriale e la loro attività è sottoposta alla vigilanza dell’ANPAL (l’Agenzia Nazionale per il Lavoro) e dell’Autorità contro la corruzione (ANAC).

Tutti i datori di lavoro, a prescindere dalla scelta che potrebbero non fare, già versano il contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria dello 0,30% sulla retribuzione annua lorda dei propri dipendenti,  all’INPS, che si limita a incassare i contributi dovuti dalle aziende e a girarli poi ai singoli fondi. Se l’azienda non esprime la scelta del fondo non potrà mai utilizzare i propri contributi per finanziare i propri progetti formativi. Quei contributi versati dall’azienda obbligatoriamente, andranno a confluire in un conto di formazione aperto ad altri enti di formazione. L’adesione è assolutamente volontaria e un’azienda può iscriversi a un fondo diverso da quelli del settore produttivo di appartenenza o, successivamente, a un fondo diverso da quello cui si era iscritta in precedenza.  Non iscriversi equivale ad una rinuncia all’utilizzo futuro delle risorse di formazione.

Cosa c’è nel futuro?

L’avvento della tecnologia e la diffusione dei metodi di comunicazione social e il digitale giocheranno un ruolo decisivo all’interno del mondo dei servizi, dell’industria e del lavoro. La nostra non sarà più solo formazione orientata alla crescita della persona nell’organizzazione del lavoro, ma anche un valido e concreto strumento per fare carriera e per lo sviluppo professionale nelle nuove professioni del futuro che richiederanno un diverso modello di formazione.  Regolamentazione Contrattuale di primo e secondo livello, Contrattazione di Prossimità, Social Media Policy, Welfare Aziendale e Contrattuale, Innovazione Sociale Lavoro Agile Gig Workers e Smart Workers,  PensiONiamoci con seminari di educazione previdenziale e fiscale Riservato al Capo!  Soluzioni per l’imprenditore e per i responsabili HR  rivolte a dare nuova vita  ai rapporti di lavoro improduttivi con innovativi strumenti.

La necessità di ripensare la formazione professionale in vista delle nuove capacità richieste dal futuro sistema di lavoro e dal contesto digitale, ci ha  consentito, già dal 2018 ,  di adottare la miglior soluzione in grado  di aggiornare le competenze dei lavoratori e dare risposte nei processi aziendali di recruiting, di autoimpresa, di coaching, nello sport nel business e anche nel più personale ambito familiare , sia genitoriale sia di coppia.  #SaiComeSei

I servizi offerti – I fondi paritetici interprofessionali finanziano piani formativi aziendali, settoriali e territoriali, che le imprese in forma singola o associata decideranno di realizzare per i propri dipendenti. Inoltre, possono finanziare anche piani formativi individuali, nonché ulteriori attività propedeutiche o comunque connesse alle iniziative formative .

Il finanziamento di questi piani formativi avviene attraverso due modalità: il Conto di Rete e SDI (Sistema di Imprese) . Con la prima modalità, che opera secondo una logica solidaristica, possono essere destinate alle singole imprese più risorse di quelle versate con il contributo dello 0,30% e, pertanto, il sistema consente anche alle microimprese di accedere a iniziative di formazione, altrimenti non finanziabili con il solo contributo obbligatorio; la seconda modalità, quella del conto aziendale, viene ormai utilizzata da quasi tutti i fondi interprofessionali e rende invece disponibile alla singola impresa, in presenza di determinati requisiti  valutati preventivamente, una considerevole quota gratuita pari  all’85% di quanto versato con il contributo dello 0,30% in un determinato periodo.

Le tematiche scelte per arricchire i piani di formazione di argomenti interessanti per le aziende che hanno scelto FonARCom sono stati oltre alla sicurezza sui luoghi di lavoro, anche i temi sullo sviluppo delle abilità personali e la gestione aziendale e di consulenza del lavoro ed i temi di Strategie Evolutive

Nel recente Breakfast Meeting è stato dato spazio alla formazione sul Welfare, sulle forme di prevenzione della Salute e sulla Previdenza Complementare per illustrare i numerosi vantaggi di aderire ai Fondi Interprofessionali di Formazione per sensibilizzare i lavoratori su tematiche semplificate dai nostri esperti in tema di previdenza assistenza e pensioni.

La sfida lanciata alle Rappresentanze Diplomatiche il 4 dicembre scorso avrà il compito per il 2019 di indurre i datori di lavoro privi di fondi complementari chiusi ad impostare policy virtuose di welfare contrattuale e poi aziendale, unilateralmente o in rete, che esprima al meglio le forme di tutela per i lavoratori agendo sulle leve della formazione, dell’educazione previdenziale e rispettando tutti gli strumenti utilizzabili: dai fondi pensione ai fondi sanitari , dai fondi per la Formazione come FonARCom ai fondi bilaterali e quelli di solidarietà che nel prossimo anno probabilmente amplieranno le loro funzioni.  

Lo Studio ha messo a disposizione uno spazio di consulenza per attivare le relazioni sindacali nelle singole realtà ed ha promosso percorsi di educazione previdenziale, organizzando corsi gratuiti per i dipendenti delle Rappresentanze Diplomatiche, Ambasciate, Consolati Istituti Culturali e le Organizzazioni Internazionali. 

Compila la scheda contatti per richiedere una consulenza per scegliere quali servizi inserire in un PWA Piano di Welfare Aziendale o scrivi a consulenza@casigliaronzoni.it

Per coloro che  preferiscono prima verificare quali domande vengono proposte ai dipendenti per individuare le aree di bisogno vi suggeriamo di rispondere al format che sarà poi personalizzato per la specifica Organizzazione interessata.

Se si vuole prenotare una consulenza gratuita per comporre il proprio fabbisogno formazione on site inviare un breve messaggio a: formazione@casigliaronzoni.it

Per Welfare Salute Pensioni e Previdenza contatta Skype: cristina.fioroni

Per Formazione contatta Skype: monica.murgia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi